Deutsches Historisches Institut in Rom
Newsletter
Settembre

› In caso di non corretta visualizzazione, si prega di cliccare qui per aprire la newsletter nel browser.

Una parola di saluto


Anche tre mesi dopo la fine del lockdown è fuor di dubbio che il ritorno a una qualche forma di normalità nel segno del covid non sarà possibile neppure per il nostro Istituto. La ripresa delle attività dopo la pausa estiva, che secondo la tradizione sarebbe dovuta iniziare con il "Corso di studi romani" per studenti provenienti dalla Germania, si presenta quest'anno in un'altra veste. Tutte le manifestazioni previste per le prossime settimane in sede con la partecipazione di terzi sono state spostate, anche su richiesta dei nostri partner, all'anno prossimo.

Data la situazione, aggravata da problemi tecnici difficilmente risolvibili in tempi brevi, la nostra biblioteca rimane ancora chiusa per gli utenti esterni. Il personale della biblioteca è sempre disponibile, via email o per telefono, nel dare informazioni o nell'assistere a ricerche bibliografiche; inoltre offriamo un servizio di riproduzioni gratuito.

Già subito dopo la fine del lockdown abbiamo iniziato ad accogliere borsiste e borsisti. Sostenere e accompagnare giovani ricercatrici e ricercatori presso l'Istituto, ai quali desideriamo offrire – certamente nel rispetto delle correnti misure di sicurezza – le migliori condizioni di lavoro, sarà nei prossimi mesi più che mai al centro delle nostre attività. Manifestazioni scientifiche come conferenze e workshop si svolgeranno al momento solo per il personale interno oppure in forma virtuale. Al contempo ci adoperiamo, nell'ambito delle nostre possibilità, per preparare la riapertura graduale dell'Istituto. Le condizioni generali difficilmente calcolabili non ci permettono però, al momento, di dare informazioni più dettagliate in proposito.

 

Siamo grati a tutte le colleghe e colleghi nonché a tutte le amiche e amici per il loro persistente interesse nei confronti dell'Istituto e auguriamo a tutti un buon rientro.

 

Abbiate cura di voi e restate in salute!

 

Martin Baumeister

Ulteriori informazioni
Opportunità
I Tatti/DHI Rom Joint Fellowship for African Studies

L'Istituto Storico Germanico di Roma ha bandito, insieme a I Tatti, The Harvard University Center for Italian Renaissance Studies, una borsa di studio che promuove lo studio dell'Africa e delle sue interazioni tra il 1250 e il 1750, un periodo solitamente trascurato dalla storiografia.

Il termine per la presentazione delle candidature è il 16 novembre 2020.

Ulteriori informazioni
Conferenza del mercoledì
16
set
Cinzia Sulas
Associazionismo cattolico e strategie editoriali tra Rivoluzione e Restaurazione

Ore 15:00

 

Sarà annunciato nei prossimi giorni sul nostro sito web, se la conferenza si terrà in sede o in diretta streaming.

Ulteriori informazioni
Visite guidate d'autunno

Le nostre visite guidate d'autunno di quest'anno ci portano a conoscere meglio alcuni quartieri romani. Esse si svolgeranno all'aperto con un numero limitato di partecipanti per rispettare le regole del distanziamento sociale.

Ulteriori informazioni
Cippo funebre di Quinto Sulpicio Massimo (Porta Salaria)

18 settembre 2020

 

Dalla Roma repubblicana alla Breccia di Porta Pia: storia del Rione Sallustiano

Dr. Riccarda Suitner

 

Appuntamento: ore 17.00, angolo via Piave/via Sulpicio Massimo

Costo: nessuno

Numero limitato dei partecipanti: 10

 

Ripercorreremo a piedi il Rione Sallustiano e la sua storia, che abbraccia tutte le fasi storiche e urbanistiche della città di Roma: dall'Antichità degli Horti Sallustiani al Novecento con la Breccia di Porta Pia, attraverso l'Età moderna e l'architettura post-unitaria.

 

Prenotazione obbligatoria entro l'11 settembre 2020 all'indirizzo suitner[at]dhi-roma.it.

Domande possono essere rivolte direttamente a dr. Riccarda Suitner.

 

Visita guidata in lingua italiana

Ulteriori informazioni
Edificio del lotto 8 in via Ostuni, inizio degli anni Cinquanta

10 ottobre 2020

 

Il Quarticciolo: una borgata del fascismo, tra guerra e dopoguerra

Dr. Luciano Villani

 

Appuntamento: ore 10.30, angolo via Molfetta/via Castellaneta (dove c'è un negozio di prodotti casalinghi)

Costo: nessuno

Numero limitato dei partecipanti: 10

 

Sarà ripercorsa la storia del quartiere, con delle soste nei suoi luoghi e scorci significativi, approfondendo il linguaggio architettonico, la funzione degli spazi pubblici e gli sviluppi storico-sociali, nel contesto della città in guerra e del dopoguerra.

 

Prenotazione obbligatoria entro il 2 ottobre 2020 all'indirizzo suitner[at]dhi-roma.it.

Domande possono essere rivolte direttamente a dr. Luciano Villani: luciano.villani77[at]gmail.com.

 

Visita guidata in lingua italiana

Ulteriori informazioni

Ulteriori visite guidate d'autunno saranno segnalate sul nostro sito web.

Ulteriori informazioni
Retrospettiva sulle manifestazioni di giugno

Resilienza, consumo d'alcool, contabilità – tematiche ed epoche diverse di valenza attuale affrontate nelle conferenze online del DHI Roma

 

Una breve rassegna delle nostre manifestazioni di giugno si trova sul gab_log della Max Weber Stiftung!

Ulteriori informazioni
Pubblicazioni
Open Access: collana Ricerche
Volumi 1–9

Sulla piattaforma di pubblicazione della Max Weber Stiftung perspectivia.net sono ora liberamente accessibili e scaricabili i primi nove volumi della nostra collana "Ricerche dell'Istituto Storico Germanico di Roma". Dopo il relativo periodo di embargo di cinque anni anche i volumi pubblicati successivamente possono essere consultati online.

 

Nella collana in lingua italiana si pubblicano edizioni critiche, nonché monografie e volumi collettanei di carattere scientifico relativi alla storia italiana e italo-tedesca dal primo medioevo al passato più recente.

Ulteriori informazioni
Wirtschaften als kulturelle Praxis
Heinrich Lang

Nel primo Cinquecento i Salviati di Firenze e i Welser di Augusta, attivi in tutta Europa, si annoverarono tra le più importanti famiglie di banchieri e commercianti. Heinrich Lang non solo racconta la storia delle loro imprese, ma affronta anche le forme della loro cooperazione strettamente intrecciata e maturata nel tempo. Lo studio si basa in gran parte su documenti commerciali conservati negli archivi toscani e ricostruisce la contabilità dei mercanti banchieri fiorentini in una prospettiva prasseologica. La qualità dei materiali archivistici e l'interpretazione della contabilità motivata dalla teoria dell'agire rendono per la prima volta possibile esaminare più da vicino i rapporti tra le imprese tedesche meridionali e toscane nelle città fieristiche come Lione e Anversa e danno una finora sconosciuta profondità alla storia economica dal 1500 circa fino alla bancarotta della corona francese nel 1559.

 

Heinrich Lang, Wirtschaften als kulturelle Praxis. Die Florentiner Salviati und die Augsburger Welser auf den Märkten in Lyon (1507–1559), Stuttgart: Franz Steiner Verlag 2020 (Vierteljahrschrift für Sozial- und Wirtschaftsgeschichte – Beihefte 248), ISBN 978-3-515-12491-1.

 

La monografia è il risultato di un progetto di ricerca al quale l'autore ha lavorato per diversi mesi anche presso il DHI Roma come scienziato ospite.

Ulteriori informazioni
Freethinkers in Europe. National and Transnational Secularities, 1789−1920s
Carolin Kosuch (a cura di)

This volume brings together for the first time case studies on secularists of the 19th and early 20th centuries in national and transnational perspectives including examples from all over Europe. Its focus is on freethinkers taken as secular avant-gardes and early promoters of secularity. The authors of this book deal with multiple historical, religious, social, and cultural backgrounds and, in these contexts, analyze freethinkers' organizations, projects, networks, and contributions to forming a secular worldview, in particular, the promotion of concrete undertakings such as civil baptism or initiatives to leave church. Next to this secularist agenda, the contributions also take into account ambivalences and difficulties freethinkers were faced with, namely, the tensions between a national self-image and the transnational direction the movement has taken; the regional base of many projects and their transregional horizon; freethinkers' cultural programs and their immanent political mission; and the dialogue with respectively the conceptual distinction from other secularist groups. Readers interested in the history of secularity will learn that it was a heterogeneous enterprise already in its beginnings. This set the course for later European and global developments.

 

Carolin Kosuch (a cura di), Freethinkers in Europe. National and Transnational Secularities, 1789−1920s, Berlin-Boston: De Gruyter 2020 (Religion and Society 86), ISBN: 978-3-11-068716-3.

 

Il volume collettaneo è nato da un convegno sul tema "Secularities. Freethinkers in the Context of National Movements and the Rise of Nation States in Europe, 1789–1920s" che si è svolto dal 21 al 23 marzo 2018 presso il DHI Roma in collaborazione con il DHI di Varsavia.

Ulteriori informazioni
Call for Papers
Rivista
QFIAB

Studiate tematiche legate alla storia o alla storia della musica italiana? Indagate la storia dei rapporti italo-tedeschi nei loro contesti transregionali o transnazionali? Allora mandateci un vostro contributo da pubblicare sulla nostra rivista "Quellen und Forschungen aus italienischen Archiven und Bibliotheken". Essa appare una volta all'anno e copre, in una prospettiva transepocale, l'arco temporale dal medioevo al presente. I saggi saranno sottoposti a una double-blind peer review. Ulteriori informazioni

Ulteriori informazioni
Impressum
Redazione: Dr. Claudia Gerken, Dr. Gerhard Kuck, Dr. Kordula Wolf
Istituto Storico Germanico di Roma
Via Aurelia Antica, 391 - I-00165 Roma - Italia - www.dhi-roma.it